The moral codes of other human species

The complex sets of drives and calculations that we call morality rise from our basic human instincts toward reciprocity, fairness, and empathy. These instincts are called prosocial because they promote cohesion and harmony in the social context of herds, packs, and families. However, humans are not alone in having prosocial instincts. Many, indeed MOST, mammals show prosocial behaviors and instincts.

chimptiger2

It is interesting to ponder the question: if given enough time and selective pressure, would dolphins or chimps evolve into a society that includes established moral codes?

I think there’s a good chance that they would. However, some intelligent species are less social and more competitive than dolphins, chimps, or humans. Tasmanian devils, for example, seem to have lost much of the cooperative- and empathy-centered instincts that most mammals have. These feisty little critters are solitary as adults and fiercely territorial. They seem to genuinely despise other members of their species. If they were to continue to advance in the evolutionary development of their cognitive and intellectual capabilities, what kind of codes would their societies write? This is a gloomy prospect and calls to mind some of the more brutal races of beings from the Star Trek and Star Wars lexicons. If moral codes flow naturally from social dynamics, a society of Tasmanian devils would make the Klingons seem cuddly.

Tasmanian Devils play fighting

Then again, maybe the lack of prosocial instincts would prevent them from ever advancing that far in the first place. There is good reason to believe that the highly social nature of the Homo genus was at least partly responsible for our rapid cognitive evolution. With highly social living, the environment was ideal to develop things like cooperative hunting, communication, language, division of labor, and so on.

In contrast, a species that lives a solitary adult life would have far less—or zero—pressure to evolve these skills. That is not to say that they wouldn’t advance in their cognitive skills at all, but an evolution along the route toward agriculture and civilization seems exceedingly unlikely as long as they remained antisocial.

Perhaps the most fascinating prospect to ponder is what kind of societies and moral codes other species of Homo would have created had they survived. Modern humans are the only surviving members of our genus, but we were not always alone. Besides Homo sapiens, Neanderthals survived the longest and were the most like us. Neanderthals and modern humans are sometimes even classified within the same species: Homo sapiens neandertalensis and Homo sapiens sapiens, respectively. Neanderthals thrived in climates that we would consider very harsh and persisted for much longer than modern humans have existed to date.

original

While anthropologists are still debating why modern humans completely replaced Neanderthals over just a few thousand years, Neanderthal artifacts reveal that they had social lives and customs strikingly similar to that of the modern humans of that era. They may even have ritualistically buried their dead with implements intended for use in the afterlife. Given the apparent similarities in social structure and the likely continuing cognitive advancement of Neanderthals, it seems likely that they were not too far away from developing organized societies not unlike our own. What kind of morality would they have exhibited?

It is important to remember that Neanderthals were not primitive early forms of humans, as many tend to think. In the analogy of a family tree, they are our cousins, not our ancestors. Humans did not evolve from Neanderthals: we share a common ancestor with them. That common ancestor lived around half a million years ago and did not perfectly resemble either Neanderthals or humans. Our common ancestor was more apelike than either of us and had a smaller brain and more limited intellectual capacity.

image_1481e-Neanderthal

That the Neanderthal lineage and the modern human lineage evolved many features in common—including advances in intelligence—is an example of parallel evolution due to similar lifestyle and selective pressures. We both evolved features that aided us in hunting and gathering. The last Neanderthals perished only a little over twenty thousand years ago, so we can only infer what kind of society, culture, and morality they espoused. From what we do know, it was strikingly similar to our own history, a testament to the power of social-cooperative genetics.

Humans and Neanderthals are just two branches of the Hominid family tree. Homo erectus and Homo floresiensis are two others, and once again, it is important to note that these are not human ancestors. They are also cousins, but more distant ones. These other species of Homo more closely resembled our common ancestor than we do, but this may simply be because we’ve been evolving for a longer time, while they have been extinct.

During the times of these other species, the direct ancestors of humans, Homo mauritanicus and later Homo heidelbergensis, were also walking the earth. And before that, our earlier ancestor, Homo ergaster, lived and breathed along with Homo erectus, Homo hablius, Paranthropus robustus, and Paranthropus bolsei, all hominid species that more closely resembled modern humans than modern chimps.

870

Recovered fossils have shown that, at one point in time, there were at least seven distinct species of hominids living at the same time. These populations undoubtedly had occasional contact with one another. Assuming that interbreeding was possible, they may have even exchanged genes and thus aided each other’s evolutionary potential.

We’ll probably never fully appreciate why our family line survived and the others didn’t, but it was almost certainly more a matter of luck than anything else. Climate conditions on earth are constantly changing, and a species living in just a few places on one continent—especially when that continent is Africa—can easily succumb to ice ages, the transformation of a forest into a desert, and so on.

Somehow our family line survived when the others didn’t, although it was very close. The protohuman population dwindled to as few as fifteen thousand individuals about a million years ago. Population contractions like that were not at all uncommon during the very harsh million years that our species evolved into its current form. However, we did survive, eventually leaving Africa in several waves and populating the entire planet in just a few thousand years.

3_6_4-2_illustration_color_KC_humans_builiding_shelter_l_1-lp4j3c

What if we hadn’t been the only ones to survive? What if the descendants of Homo habilus had had better luck when the lush Savannah of Eastern Africa grew hotter and drier a million years ago? Our species would have “grown up” side by side with another species of hominid that had similar abilities and genetics but was clearly distinguishable. All of the evidence points to a conclusion that the morality that this species would exhibit would be very similar to our own. After all, the moral codes of the separate cultures and societies of the modern and ancient worlds have far more in common than in contrast.

Thus, it seems obvious that much of our morality is inborn, not learned. Our species, like that of Homo erectus, evolved from social-cooperative ancestors, but our prosocialism and cooperation was taken to the extreme, which then spurred the rapid expansion and development of our intellectual capacity. There is good reason to think that the same forces would have been present in Homo habilus, and the result would have been more or less the same.

planet-of-the-apes-taylor-kisses-zira

I can’t shake the Planet of the Apes imagery of it, but how much more interesting might our story be if more than one species of sentient hominid walked the earth?

-NHL      (@nathanlents)

Logo-HumanEvBlog

 

Advertisements

4 thoughts on “The moral codes of other human species

  1. Gli eredi di Marte (2010) A Jean M. Auel
    Oggi voglio essere proprio prosaico: ne narrerò una per suscitar sonno. Molto dopo che asteroide in collisione col nostro pianeta frantumasse tutto un continente di terre emerse chiamato Gondwana e abitato da dinosauri, grandi rettili i cui ossi vennero poi scambiati per quelli di giganti, Marte andava desertificandosi. La sua catastrofe ecologica era tale che Iddio volle salvarne uno di quella specie: Uwa, bimbetta il cui nome è l’onomatopea del vagito. A bordo di un cesto dal guscio duro, capsula di salvataggio, la vergine madre sfidò l’algido spazio stellare da sola e soletta, poiché Hinun-ndendée, il grande uccello, era andato in avaria. Catturata dalle correnti gravitazionali terrestri, essa cadde in un lago chiamato Tanganica, nei pressi di due montagne d’Africa: l’una bianca, il Kilimangiaro, l’altra nera per i guerrieri Masai. Trovata da Dorso Grigio nella nebbia, in principio Uwa fu allevata secondo gli usi e i costumi di australopiteco, essere scimmiesco – goffo, in verità – che non utilizzava ciottoli come fossero utensìli, che non conosceva ancora le nostre fatiche, né il significato della parola morte, avendo questo coscienza limitata di sé. A quei tempi la vegetazione era più lussureggiante di adesso; unica insidia era Fungua, la puzzolente gorgone dai denti a sciabola, fiera che sbucava all’improvviso dal folto, colpiva e nei recessi dell’oscurità tornava. Un giorno il vecchio banano Naamasa, che sembrava tanto secco, rifiorì e Uwa, che era nell’età del primo menarca, ebbe una visione mistica: “Io sono l’uno che diventa il due, che diventa il quattro, che diventa l’otto e che torna a essere l’uno”, le disse un nibbio appollaiato tra i rami di un sicomoro. Era il tramonto, ma fu già l’inizio di un’altra era. D’istinto, colei che avrebbe di lì a poco generato un maschietto senza conoscere uomo, di sette in sette cominciò a contare le noci di cui era ghiotta e a dar un nome a ogni dito di mani e piedi, ivi compreso lo strano concetto dello zero, rappresentato dal pugno della vuota mano. Cammina cammina, al campo tutte le notarono il ventre e le mammelle gonfi. Il nuovo capobranco ne rimase sconcertato: che un abile, impertinente dei suoi figli l’avesse posseduta, ma come mai essa emanava il suo stesso odore di maschio dominante? Che fosse stato, allora, lui a ingravidarla col suo sguardo! Era da un po’ che la puntava, schiacciando le noci… La prese sotto le sue ali protettive, trotterellando via. Ed essa partorì Tep-ii-tesher-am-akh, colui che è il Capo-che esce-rosso-dalla-immagine, un marziano che non seppe mai di essere tale. Regina madre come un’ape, Uwa lo generò e nei suoi mitocondri vi era la formula dell’immortalità. Inoltre
    163
    possedeva un gran numero di ribosomi a livello cellulare e il tocco delle sue mani era considerato terapeutico, a causa del fluido sottile, energetico, che esse sprigionavano. Come l’uro di raffigurazioni preistoriche parietali successive, questo ercolino, eretto Adamo possedeva una costola mobile in più delle figlie di Eva e non fu lui ad accoppiarsi coi Neanderthal di Lilith, ovvero colei che rapiva nel sonno i bambini cattivi per sintetizzarne, da adulti, i caratteri del Sapiens. Per un’aberrazione cromatica il suo occhio percepiva solo i colori primari. E il rosso sangue gli faceva fare dei brutti sogni in un campo totalmente grigio. Ma il suo spirito si elevò subito al cielo blu e al sole giallo oro d’una gloria, i suoi discendenti furono attratti subito dal fuoco, si dipingevano di ocra il corpo nudo. E venne il tempo di abbandonare la foresta pluviale e di cacciare nella savana, regno di predatori e di carogne in cui egli seguiva il bufalo dalla coda bianca, ricca fonte di sostentamento, nei loro spostamenti. Una notte, poi, al chiaro di luna, egli sentì un insolito richiamo: sì, un dolce profumo, e, appartatosi, si unì con Ndok, il cui nome significa Acqua Viva. Per uno strano caso del destino gli generò figli, dei figli sani e forti, come Okin, l’Airone; come Mongo, il signore del Popolo delle Teste Rotonde; come Zamani, il capo del clan di Erin. Ed Erin un mastodonte dalle zanne diritte, non così ricurve come quelle del mammùt. E Zamani diede nome di Grande Orecchio di Erin al Bacino del Congo, perché i suoi fiumi ne assumevano la forma tracciatili sulla sabbia. Egli viaggiò molto in cerca di avventura e di se stesso. I figli di Zamani: Dùrù, colui che vide l’ippopotamo nel Lago Ciad, che allora si estendeva fino al Sahara; Kil, il piccolo grande cacciatore di rinoceronti; But, colui che dormiva su una larga pietra piatta; Ze, quello che portava sempre con sé un dente di leopardo; Abo, lo zoppo che scovò bertucce alle cosiddette Colonne d’Ercole. Le figlie di costui: Bololanege, colei che spinse i suoi anelli alle caviglie fino in Spagna; Anyeghe, l’amore di tutti gli uomini sotto i palmizi. Costei ebbe molti figli, tra cui Afan, che in Enotria ebbe due gemelle che migrarono nei Balcani: Kowa e Mukashi. E altri furono i suoi discendenti di cui si è persa memoria e spintisi oltre l’Ucraina. Giunto il clan in Cina, Riitho, detto l’ Avvoltoio, si unì con Kini, con colei che seppe pretendere, farsi rispettare, che uccise Mama Baru, una grossa iena, in una località chiamata, nel linguaggio dei gesti, Tie-saba, perché le ci vollero ben tre giorni per farlo, e lo fece da sola. Alla fiamma del fuoco en-Kima essa era solita indurire lo strano corno del naso di Mbawala, un’antilope, e con esso arrostiva le dolcigne carni di animali che si catturavano col boomerang presso alture di un gruppo di gigantotechi, ovvero
    164
    degli yeti. E accaddero straordinari terremoti e paurosi smottamenti: l’India, che fino ad allora si chiamava l’Isola di Mounji, ovvero la Madre Terra Mu, si unì al continente asiatico, ne innalzò la cresta montuosa fino all’Europa di Sikar, il re delle conchiglie. E lungo la cosiddetta Via della Seta essi incisero sulle rocce degli strani omini stilizzati chiamati Mwana, e in un luogo oggi desertico esiste ancora un tipo di scrittura simile: ad esempio, quello che per voi potrà apparire quasi l’enigma della sfinge. Quattro disegni elementari in sequenza: 1) una capanna rotonda o caverna, al cui interno sta un omino filiforme in piedi; 2) una seconda figura con una casetta di rami al cui interno quell’omino ci sta sdraiato, come se dormisse; 3) una terza in cui l’omino stilizzato ne sta a testa in giù; 4) un’ultima in cui ne cammina al di fuori, tutto contento per la stagione. E il significato di tutto ciò è il seguente: giunta l’ora del parto, con cautela nelle mani, ci si dovrebbe assicurare che la testa del cucciolo della gestante sia in corretta posizione d’uscita, altrimenti potrebbe soffocarsi col cordone ombelicale e tanto da sembrar come provenuto da… l’Aldilà! Questa, la filosofia di tutta una vita, di un’arte di metterci al mondo. E tra le figlie di Uwa vi furono anche altre vergini madre che misero alla luce uomini famosi. Ed esse contavano il numero di essi coi nodi delle treccine dei capelli ondulati, poiché fu di Atak, colei che indicò la Grande Strada, la profezia che il decimillesimo di essi sarebbe diventato messia, un Gran Khan che avrebbe dominato con vera giustizia e sconfitto per sempre i cannibali dal biforcuto piede di struzzo, la cui regina si chiamava Saba. E alcune vergini di esse erano solite riunirsi per festeggiar solstizi presso un campo di grano selvatico, tutto di misteriosi segni geometrici: per uno strano fenomeno elettromagnetico, cadendovi fulmine, si era generato vortice di particelle di silicio che ne aveva piegato, e talora intrecciato, le pianticelle spontanee. E dall’adusto punto d’impatto della saetta col terreno non coltivato sfera incandescente si era librata: come un aquilone o un disco volante, essa sfrecciò via col vento, risucchiata dall’alto. Esse ne ritenevano sacro il suolo e che il Cielo avesse voluto comunicar loro i Suoi disegni, disegni tanto affascinanti quanto quelli di Nazca, in Perù, dove il famoso ragno simboleggia Orione. Nel tempo fiumi cambiarono corso, monti si livellarono; un dì un gran cuoricino: “O spiriti eletti, ascoltate: non si muore che una volta sola, ma nello spirito quante di volte! Più non lucidiamo, fratelli, una pietra che sia simbolo tagliente di perfezione, bensì costruiamo, pietra dopo pietra, fatica dopo fatica interiore, un regno di belle speranze per l’umanità”. Il Dieg-mil aveva parlato ed essi vissero in armonia d’intenti lungo le coste del grande mare interno che, Oh! molto prima di Genghiz Khan,
    165
    andava dal Mar Nero di un’Atlantide al Mar Caspio e da quest’ultimo al Lago Aral.

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s